CASTAGNOLO AL FARRO  
  Produzione: provincia di Pesaro e Urbino, zona di San Lorenzo in Campo. Nella medio-alta Valcesano vengono chiamati CASTAGNOLI. Nella zona di San Lorenzo in Campo i castagnoli vengono preparati con farina di farro, fritti e poi completati con miele o zucchero. Di forma tondeggiante hanno un diametro di circa 4-5 cm e sono di colorazione marrone, tipica del farro. Il castagnolo al farro prodotto con farina di farro e viene preparato impastando tutti gli ingredienti necessari per poi lasciarli riposare per circa un ora. Subito dopo si vanno a formare delle palline del peso di circa 25-30 grammi per poi friggerle in olio di arachidi portato alla temperature di gradi 170. Quindi si passa a piacere la pallina fritta nello zucchero semolato o nel miele fuso. Il castagnolo deriva dai "Globulos" (globuli) e dall' "Encytum" che venivano impastati dagli antichi romani con formaggio e farina di farro e fritti nello strutto. Infine venivano spalmati di miele e cosparsi di semi di papavero. Queste ricette venivano utilizzate nei giorni festivi o in occasione di cerimonie.  
                   
                   
       
                   
                   
                   
PRODUTTORI