CARCIOFO VIOLETTO PRECOCE DI JESI  
  Diffusione: territorio della provincia di Ancona, particolarmente nei comuni di Jesi, Monsano, San Marcello, Belvedere Ostrense, Morro d'Alba, San Paolo di Jesi, Monte San Vito. Il Carciofo Precoce di Jesi ha uno sviluppo alquanto contenuto, con un'altezza media misurata dal colletto all'inserzione del peduncolo del capolino centrale di circa 30 cm. Il caule, pubescente e di colore verde, ha i nodi disposti in modo ravvicinato. La pianta manifesta una spiccata eterofillia; il colore dell'intero apparato fogliare risulta nelle pagine superiori verde glauco con riflessi cinerei per la presenza di una lieve tomentositÓ e di tonalitÓ meno intensa nelle inferiori. Il capolino principale ha forma ellissoidale, di struttura compatta e presenta una colorazione di fondo verde con diffuse e pi¨ o meno intense sfumature violacee, soprattutto ai margini laterali delle brattee. I capolini di 1░ e 2░ ordine, pur presentando una pezzatura ridotta, mantengono forma e colore tipico. Il capolino principale, di maggiori dimensioni, presenta un peso variabile tra i 160 e i 180 grammi, mentre il capolino di 1░ ordine ha un peso di circa 90- 100 grammi e quello di 2░ ordine circa 80-90 grammi. Da soggetti di 2 o 3 anni pochi giorni prima dell'impianto vengono staccati i carducci, germogli che crescono alla base della pianta. Solitamente la scelta dei carducci viene fatta verso metÓ settembre e la messa a dimora verso metÓ ottobre. Il trapianto viene eseguito conficcando i carducci nel terreno, facendo attenzione che la gemma risulti in superficie. La carciofaia ha una durata media di 3-4 anni; il primo anno la produzione Ŕ molto tardiva (maggio) e modesta, mentre si raggiunge piena produzione il secondo anno. Riferimenti storici risalenti alla fine del '700.  
                   
                   
       
                   
                   
                   
PRODUTTORI